“Crianças em branco e preto”: Libro fotografico

“Crianças em branco e preto”, la raccolta fotografica di Mimmo Porcelli, in collaborazione con la Parrocchia di San Frumenzio ed AUCI.  La raccolta, il cui titolo tradotto letteralmente viene a significare “Bambini in bianco e nero”, ci mostra, come lo stesso autore afferma, la storia di una amicizia, non tra persone, ma tra comunità. Tra i tanti scatti della raccolta troviamo scene di vita comune dei piccoli abitanti di tre villaggi del distretto di Namaacha, in Mozambico: Mafuiane, Goba e Baka. Volti, sguardi e sorrisi di chi lotta per costruirsi un domani più dignitoso e più giusto.

Il libro fotografico è in vendita presso AUCI al costo di 10 Euro. I ricavati andranno a sostenere parte delle spese per la costruzione dell’Ospedale Pediatrico a Mafuiane.

Continua a leggere…

È uscito il nuovo numero di Ubuntu!

Traguardo importante per la nostra rivista Ubuntu, che celebra i suoi primi 30 numeri con un numero speciale. Clicca su immagine per leggere la rivista

Traguardo importante per la nostra rivista Ubuntu, che celebra i suoi primi 30 numeri con un numero speciale. Abbiamo chiesto a chi ha accompagnato il cammino di AUCI in questi anni di tracciare un bilancio, per poter guardare con speranza al futuro.

Continua a leggere…

Il nuovo numero di Ubuntu “Beati quelli che hanno fame e sete di giustizia”

E’ uscito il nuovo numero di Ubuntu!

Ubuntu è la rivista di AUCI che, oltre a far conoscere i progetti e le attività dell’Associazione, vuole anche essere uno strumento di riflessione.

Le Beatitudini sono state scelte dalla redazione come sfondo tematico dei numeri del 2015.

Continua a leggere…

Il numero 24 di Ubuntu!

Carissimi, è uscito  il numero 24 di Ubuntu che, alla luce dei drammatici avvenimenti di questi giorni, assume una valenza particolare.
Il “mare nostrum”, spazio di unione e condivisione, è stato trasformato in “fossa comune” per via delle diseguaglianze globali che costringono tanti a fuggire dai loro paesi.
Di fronte a questi “incidenti” rimaniamo attoniti, profondamente addolorati e senza parole. E sentiamo più vivo l’impegno ad adoperarci per porre le basi per la ” ricostruzione della famiglia umana”.

Continua a leggere…