IN UNA PAROLA

15 Settembre 2020 @auci@ 0 Comments

“In una parola” di Elisabetta Valentini – In ogni lingua esistono parole dette spesso intraducibili perché appartengono solo ad essa e non hanno una corrispondente diretta nella nostra o in altre. Sono parole che per essere spiegate e comprese hanno bisogno di una spiegazione perché portano con sé un concetto o raccontano un’emozione particolare o esprimono un’idea strettamente legata alla cultura del popolo che la parla. Per esempio sapevate che in Perù c’è una parola precisa per indicare un tipo di pioggia sottile sottile? Che l’insieme di relazioni di una comunità in Cina è intesa con un termine esatto? O che quel famoso sistema operativo open source deve il nome a una parola africana dal significato profondo e universale? Questa settimana compiremo una piccola esplorazione di alcune di queste parole dette intraducibili ma dense di significato.

ASCOLTA IL PODCAST #1 | #Ubuntu – Nella parola africana #Ubuntu c’è racchiusa una vera e propria filosofia  basata sulla lealtà e sulla benevolenza verso il prossimo. “Umuntu ngumuntu ngabantu” che significa “Io sono ciò che sono in virtù di ciò che tutti siamo”.

leave a comment