Caschi Bianchi all’Estero

Da avviare

 

In corso

 

COME CANDIDARSI  

Bando: Si invita a leggere attentamente il Bando 2019 pubblicato sul sito ufficiale www.serviziocivile.gov.it

Scadenza: Le domande dovranno essere inviate entro e non oltre le ore 14:00 del 17 ottobre 2019

Requisiti:

  • avere un’età compresa tra i 18 e i 29 anni (non compiuti alla data di presentazione della domanda – 28 anni e 364 giorni)
  • essere cittadini dell’Unione Europea, oppure stranieri regolarmente soggiornanti in Italia
  • non appartenere a corpi militari o a forze di polizia
  • non aver riportato condanne di primo grado per reati penali

Possono presentare la domanda anche i volontari che:

  • abbiano interrotto il servizio a causa della chiusura del progetto purché lo stesso abbia svolto meno di 6 mesi di servizio.
  • Abbiano interrotto il servizio a causa del superamento dei giorni di malattia previsti purché lo stesso abbia svolto meno di 6 mesi di servizio
  • abbiano già svolto il servizio civile nell’ambito del programma europeo “Garanzia Giovani”,  nell’ambito del progetto sperimentale europeo IVOforALL e nell’ambito dei progetti per i Corpi Civili di Pace.

Non possono presentare domanda i giovani che:

  • abbiano già prestato o stiano prestando SCN o SCU, oppure abbiano interrotto il servizio prima della scadenza prevista
  • abbiano in corso con l’ente che realizza il progetto rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo, oppure abbiano avuto tali rapporti di durata superiore a tre mesi nei 12 mesi precedenti la data di pubblicazione del bando.

A tali requisiti si possono aggiungere altri requisiti aggiuntivi specificati nei singoli progetti (importante leggere attentamente le schede progetto).

 

Compilazione della domanda

Sui siti web del Dipartimento www.politichegiovanilieserviziocivile.gov.it e www.scelgoilserviziocivile.gov.it è disponibile la Guida per la compilazione e la presentazione della Domanda On Line con la piattaforma DOL

A partire da quest’anno, sarà possibile candidarsi esclusivamente online, attraverso la piattaforma dedicata DOL (https://domandaonline.serviziocivile.it), accessibile da PC fisso, smartphone e tablet, tramite SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale).
Per richiedere lo SPID è necessario avere un documento d’identità valido, tessera sanitaria, un indirizzo e-mail e un numero di telefono (info e richiesta al sito https://www.spid.gov.it/)
I giovani stranieri che non possono fare richiesta di SPID, potranno richiedere le credenziali d’accesso temporanee direttamente al Dipartimento.

La piattaforma DOL, che consente di compilare la domanda di partecipazione e di presentarla, ha una pagina principale “Domanda di partecipazione” strutturata in 3 sezioni (1-Progetto; 2-Dati e dichiarazioni; 3-Titoli ed esperienze) e in un tasto “Presenta la domanda”.

I giovani potranno individuare il progetto scelto preferito tramite un apposito motore di ricerca e compilare la domanda, che potrà essere solo una per tutto il bando. Il sistema permetterà di conoscere in tempo reale il numero di candidature già arrivate per ogni progetto, così che anche la scelta possa essere più ponderata, riducendo la dispersione delle candidature su progetti con un alto numero di domande ma con pochi posti.

Sarà importante prestare attenzione al momento della sottomissione definitiva della domanda, perché non sarà possibile ritirarla o modificarla. Tuttavia, prima di questo passaggio, si potrà salvare più volte i dati, verificare la correttezza della compilazione e quindi procedere con la candidatura solo quando si sarà sicuri. Una ricevuta via mail confermerà al giovane l’avvenuta presentazione della domanda.

In allegato la sintesi del  Sistema di Selezione FOCSIV del SCU, con i criteri presi in esame ai fini della valutazione delle candidature.

 

Informazioni utili per il Servizio Civile Universale all’Estero:

Comunicazione con la sede italiana: Per ciascuna delle sedi previste dal progetto scelto è prevista e garantita la possibilità ai giovani volontari di comunicare con la sedi italiane attraverso i consueti mezzi di comunicazione: e-mail, Skype, telefono. A tale scopo si farà riferimento sia agli uffici delle sedi di realizzazione del progetto sia, ove possibile, presso la struttura stessa di residenza all’estero dei volontari. È prevista, inoltre la figura di un referente  in Italia che accompagnerà i volontari durante la formazione in Italia e farà da ulteriore riferimento e accompagnamento durante la permanenza all’Estero.

Rientri in Italia: Il progetto Caschi Bianchi prevede la possibilità di un rientro in Italia all’incirca a metà progetto, ai fini di una valutazione dell’andamento delle attività, della crescita personale del volontario e della disseminazione del progetto sul territorio nazionale. L’eventuale rientro intermedio sarà concordato tra l’OLP della sede di realizzazione del progetto all’estero e il Responsabile in Italia di ogni singolo intervento. Qualora la sede non prevede di realizzare nel progetto il rientro intermedio del volontario, questa informazione sarà comunicata al volontario prima dell’avvio del progetto. I tempi di realizzazione del progetto saranno quindi:

  • Inizio servizio
  • Formazione Generale e Formazione Specifica in Italia, preparazione documenti (Visti, Biglietti Aerei, Vaccini) tra i 20 e i 40 giorni
  • Partenza per l’estero
  • Formazione Specifica in loco entro i primi 90 giorni.
  • Eventuale viaggio intermedio all’incirca per metà progetto per realizzare il monitoraggio delle attività svolte.
  • Rientro finale in Italia durante l’ultimo mese di servizio.

Per info:

Commenti chiusi