È uscito il nuovo numero di Ubuntu!

Traguardo importante per la nostra rivista Ubuntu, che celebra i suoi primi 30 numeri con un numero speciale. Abbiamo chiesto a chi ha accompagnato il cammino di AUCI in questi anni di tracciare un bilancio, per poter guardare con speranza al futuro. Puoi leggere la nostra rivista in PDF qui.

Itaca

“Quando ti metterai in viaggio per Itaca, devi augurarti che la strada sia lunga, fertile in avventure ed esperienze.” Era proprio questo il mio augurio quando sono partita: la fertilità di un’esperienza che non si ferma all’apparenza, ma sottolinea il perché delle cose, cercando, e l’essenza più profonda. Saggiamente si dice: “Entrare nel mare è facile, il difficile è uscirne”, ed è un po’ quello che capita quando si deve

Campagna “Abbiamo riso per una cosa seria”

  Sabato 14 e domenica 15 maggio a Roma dalle 9.00 fino alle 17.00 presso la Fondazione Policlinico A. Gemelli in Largo A. Gemelli n. 8, AUCI, federata FOCSIV, partecipa alla XIV edizione della Campagna nazionale della FOCSIV  “Abbiamo RISO per una cosa seria” a favore dell’agricoltura familiare in Italia e nel mondo. Un’iniziativa che per il secondo anno vede la collaborazione di Coldiretti  e di Campagna Amica, il Patrocinio

L’educazione è il pane dell’anima [G. Mazzini]

  Sono passati sei mesi da quando sono arrivata a Karungu per la prima volta. Sei mesi in cui ho vissuto sulla mie pelle le esperienze più belle ed emozionanti che la vita mi potesse dare. Lavoro all’interno degli uffici del Dala Kiye, una casa di accoglienza per bambini orfani affetti da HIV\AIDS che fa parte della St. Camillus Mission. Il Dala Kiye è davvero un luogo accogliente dove 60

Aiuti umanitari in aree di crisi

“Ma siamo davvero sicuri che tutta questa gente abbia bisogno?” È una domanda che mi pongo spesso da quando sono qua. Ho imparato a conoscere gli usi locali e ad accettare i costumi e il modo di vedere le relazioni, la vita, la morte. Ho imparato ad andare oltre l’apparenza. Eppure questa domanda è difficile da sradicare. Faccio parte di un progetto che prende il nome di “Aiuti umanitari in